MySelleria Blog
Data: 24 novembre 2011 | Categoria: Tecnica

Mettere correttamente la sella da cavallo è un esercizio che porta autonomia nella gestione del cavallo e aumenta il grado di confidenza con lui. Spesso durante la sellatura è possibile capire lo stato di salute del cavallo, in base alla disponibilità o meno di lasciarsi sellare. La procedura è molto delicata e non va svolta in maniera sbrigativa: mettere la sella nel modo sbagliato può causare dolorose fiaccature al cavallo, sopratutto nella zona del garrese, o minare la sicurezza del cavaliere. Ad esempio, se il sottopancia è troppo stretto rischia di limitare la capacità toracica del cavallo, mentre se è troppo largo diventa un pericolo per la sicurezza del cavaliere. Se, invece, la sella è posizionata troppo avanti, ne risente l’assetto che si squilibra all’indietro, mentre se la sella è troppo indietro si rischia la salute dei reni del cavallo, zona molto delicata su cui il cavallo non deve essere appesantito. La sella va sistemata, quindi, con grande attenzione, e prima di tutti gli altri finimenti.


Data: 8 novembre 2011 | Categoria: Tecnica

Durante gli allenamenti è indispensabile esercitarsi spesso sulla direzione: non è necessario riprodurre attività di grande tecnica, l’obiettivo è quello di ginnasticare il cavallo, ma soprattutto concentrarsi sulla postura in sella e sul controllo del cavallo. Fondamentale è pensare a dove cade lo sguardo.

Spesso per concentrarsi sulle altre parti del corpo, si trascura lo sguardo, un dettaglio molto importante! Il fatto di guardare dritto avanti a sè, fissando un punto lontano aiuta a mantenere la posizione corretta: la testa alta porta le spalle ad aprirsi, il busto è eretto. Questa posizione facilita il mantenimento dell’equilibrio e lo stare insieme al cavallo. Se invece lo sguardo è basso, le spalle inevitabilmente si chiudono, il busto si curva, la gambe si spingono all’indietro, e il peso si sbilancia in avanti: la posizione in questo caso è precaria e l’equilibrio è poco stabile.

Oltre alla posizione, lo sguardo giova anche i cambi di direzione: lo sguardo è importante non solo in preparazione di una girata, ma anche banalmente per vedere dove si sta andando, se qualcuno taglia la strada, o qualcosa intralcia la via. Durante l’allenamento si può affrontare una fase di riscaldamento con il cavallo messo leggero e in avanti sulle tre andature. Per passare poi all’utilizzo di ostacoli non troppo alti, preceduti da barriere, poste a terra sia orizzontalmente per essere saltate, sia verticalmente per creare corridoi. Con questo tipo di allenamento alle tre diverse andature ci si esercita sul controllo e sulle distanze.

Di Fabio Geminian


Data: 30 agosto 2011 | Categoria: Tecnica

Mantenere una postura stabile e corretta significa avere con il nostro cavallo una comunicazione chiara ed efficace. Ciò comporta a fare attenzione alla distribuzione del peso, alla posizione di gambe, mani e busto, all’equilibrio e alla stabilità in tutte le condizioni. Se stiamo in sella nel modo giusto, allora le nostre richieste saranno ben percepite dal cavallo. Concentrare il lavoro sul miglioramento dell’assetto e della stabilità è quindi indispensabile per migliorare la comunicazione!