Home » Coliche, Come Accorgersi, Come Curarle

Coliche, Come Accorgersi, Come Curarle

by My Selleria

La sindrome colica è un insieme di manifestazioni sintomatiche portate da stati patologici dell’addome, tipo: costipazioni, torsioni dell’intestino, ostruzioni, ernie, parassitosi, coliti ecc…
Quindi, la colica è una vera e propria sindrome o stato morboso causato da svariate patologie, saper riconoscere i sintomi è molto importante e assolutamente non trascurabile, poiché un cavallo che presenta un lieve malore non preoccupante può drasticamente peggiorare. È fondamentale conoscere bene il proprio cavallo, perché più una persona è consapevole di modi e abitudini del proprio equino, più facilmente è in grado di capire se c’è qualcosa che non và.
I primi sintomi di colica sono riconducibili ad abbattimento, inappetenza o leggera irrequietezza; un sintomo più classico è la mancata defecazione o una consistenza di feci diversa dal solito.
Ma cosa causa una Colica? Come dicevamo, da tanti fattori che possono incidere da soli o associati tra loro, alcune cause si identificano come caratteristiche fisiche, età, il sesso o la razza, continuando con: fattori ambientali,  climatici, il luogo di soggiorno dei cavalli, l’alimentazione (quantità e qualità) e il tipo di scuderizzazione.
Curare una colica, anche leggera, è tutt’altro che cosa facile, ma qualcosa che si può fare c’è, e non è poi cosi difficile, ovvero “prevenire”, è bene avere delle semplici accortezze nella preparazione del pastone, si può infatti introdurre nell’alimentazione del cavallo alcuni integratori, uno su tutti il Turval, specifico infatti per la prevenzione e cura della sindrome Colica. I prodotti Turval vengono realizzati mediante un processo biotecnologico innovativo (brevettato) di preparazione dei lieviti lattici che sono riconosciuti come i migliori lieviti di origine naturale. I lieviti lattici selezionati contenuti  si differenziano notevolmente dal consueto lievito di birra e da fermenti lattici in quanto:
– sono in grado di superare la barriera gastrica, interessando aree più vaste dell’intestino;
– favoriscono un maggiore sviluppo della microflora utile agli equilibri intestinali agendo anche come fattore di crescita;
– hanno una elevata resistenza antibiotica;
– hanno una elevata capacità replicativa;
– inibiscono la crescita di batteri putrefacenti limitando i cattivi odori nelle feci.
Se il nostro cavallo comunque “non convince” è bene contattare subito il veterinario, anche per un semplice controllo, evitate i rimedi Fai da te.

Ti potrebbero interessare anche

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy